Il suono bianco della felce

Attraverso la catalogazione dello strato botanico di uno spazio specifico della Val del Tasso che scopro essere luogo cromaticamente silenzioso "Sospensione" si declina in un lavoro costituito da pura luce e colore, unendo ciò che è in basso con ciò che è in alto per fare esperienza di tutte le le declinazioni e trasmutazioni di questi, costruendo innumerevoli connessioni di senso ed evocando ulteriori mondi, anche celati sotto il mistero del colore che costituisce al contempo sia la parte materica formale sia la parte concettuale dell'opera stessa.

Traducendo in opera la relazione con l'inconoscibile e intendendo l'artista come veicolo dinamico e non come espressione di pensieri interessanti, la ricerca sonda il mistero dei colori, la loro relazione con gli oggetti scultorei e la materia, le frequenze che emanano, lo spazio rituale che si viene a creare e il loro simbolismo sospendendo momentaneamente il mondo quotidiano.